il Tablet PC Italico

Cerca nel sito

giovedì 4 settembre 2014

La trasportabilità si scontra con la produttività: 7" son pochi, ma 8" è troppo

Da inizio agosto sto utilizzando due Tablet PC compatti: un Panasonic ToughPad FZ-M1 da sette pollici e uno Yashi TabletBook Mini A1 da otto pollici. Quale è la dimensione migliore dello schermo?

Nelle passate settimane ho utilizzato due macchine simili ma profondamente diverse. La prima costa 2200 euro: è il Panasonic ToughPad FZ-M1, un Tablet PC (ultra)professionale con schermo da 7 pollici, struttura in lega di magnesio ed elastomero, capace di resistere a cadute da 150 centimetri, resistente a liquidi e polvere, dotata di processore Intel Core i5.
La seconda costa dieci volte meno: è lo Yashi TabletBook Mini A1: dotato di schermo IPS da 8 pollici, processore Atom, 3G integrato e una molto più normale (ma comunque ottima) scocca plastica.



Utilizzandoli fianco a fianco, ho potuto apprezzare le differenze tra le diverse diagonali di schermo. Già nel momento in cui ho recensito lo spettacolare Dell Venue 8 Pro, molto simile al modello Yashi ma anche molto più costoso, ho percepito lo schermo da otto pollici come troppo grosso per una reale mobilità. Un Tablet PC da otto pollici non entra in tasca, a meno che questa non sia veramente enorme. È sicuramente enormemente più compatto di un dieci pollici, occupando di fatto metà della sua superficie, ma resta non veramente trasportabile. Lo Yashi TabletBook Mini A1 mi offre la stessa impressione: una macchina compatta ma sicuramente non "mini" come il nome vuole.



Eppure lo schermo da sette pollici del Panasonic ToughPad FZ-G1, che mantiene la risoluzione 1280x800, non è migliore. Sicuramente un Tablet PC da sette pollici è più compatto e se il ToughPad non fosse ipercorazzato e quindi grosso e spesso entrerebbe senza problemi nella tasca di un cappotto o di una giacca. Ma sette pollici effettivamente sono pochi.

Trasportabilità estrema si scontra con la produttività. Sullo Yashi, così come sul Dell Venue 8 Pro, è possibile essere veramente produttivi con il pacchetto Office o con altre applicazioni. Lo spazio di lavoro è decisamente sufficiente, anche se la pessima tastiera virtuale di Windows 8.1 complica non poco le cose nascondendo metà dello schermo. Il pannello da sette pollici del ToughBook FZ-M1 non risulta essere, invece, così utilizzabile in modo reale. Le icone sono piccole e il Desktop, in generale, non utilizzabile in modo piacevole; si deve ricorrere spesso all'ottimo pennino capacitivo per la selezione degli oggetti e, nonostante sia presente lo stesso spazio di lavoro in termini di pixel il ToughPad offre il suo meglio solo con applicazioni aziendali ad-hoc od ottimizzate, che su Windows 8.1 sono ancora decisamente rare.

Articolo di Tablet PC Italia - Non vantarti del lavoro altrui, cita sempre la fonte della notizia.

2 commenti:

  1. Riflettevo...forse il problema non è dato dal formato 16:9 o 16:10? Con un 3:2 (vedi tipo Surface Pro 3) anche in un ridotto 8 pollici forse non migliorerebbero le cose, cosa ne pensi?
    Sto fantasticando su di un 8 pollici, 3:2, 10 ore di autonomia, batteria sostituibile, penna Wacom, 3G e magari uno schermo opaco fantastcio in esterni!!! Che bel miraggio

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

I commenti servono a commentare l'articolo. Per domande, discussioni o qualunque altra cosa si prega di utilizzare il Forum.