il Tablet PC Italico

Cerca nel sito

giovedì 18 agosto 2011

OneNote 2010, creatore di idee luminose

Come ogni brava generazione cresciuta sapendo che quello che conta non è avere un pennello grande ma un grande pennello, dobbiamo sapere che, anche nei tablet, sono i grandi programmi che cambiano le cose.

Microsoft Office OneNote 2010 è, a mio parere, il programma che, in un Tablet PC, fa la differenza. Senza OneNote un Tablet PC è ben poca cosa, in particolare per un utilizzo universitario.

Ma OneNote non è semplicemente un programma per Tablet PC, in quanto utilizzabile senza alcun tipo di problema anche senza penna: io stesso uso OneNote 2010 per la maggior parte del tempo con la tastiera fisica. Utilizzabile anche senza penna, da qualsiasi PC, anche da più persone contemporaneamente: è questa la sua forza, ed è questo che gli permette di essere molto utile anche a livello professionale. Come, ad esempio, se si desidera inventare la lampadina.



E' sempre bello quando Microsoft riesce a creare delle pubblicità fatte per bene, che si estendono anche agli altri componenti del pacchetto Office 2010:







5 commenti:

  1. secondo me, per molti utilizzi funzionerebbe ancora meglio il vecchio windows journal, pensato appositamente per essere usato con la penna, mentre OneNote e' pensato per essere usato con mouse e tastiera e, se proprio vuoi, anche con la penna. :-/

    RispondiElimina
  2. Non sono d'accordo. Journal è valido (ed ha l'enorme vantaggio di una struttura "a fogli reali" che in OneNote manca) ma le funzionalità "a penna" di OneNote sono enormemente superiori. Ci sono più penne disponibili, c'è una miglior gestione dello spazio (la funzione "inserisci spazio" è a mio parere impagabile), c'è il riconoscimento e l'indicizzazione automatica delle parole che, anche se appaiono scritte a mano, sono già state automaticamente "tradotte", c'è il riconoscimento delle formule matematiche, c'è il "supporto aggiuntivo" all'esclusione del polso (l'input capacitivo, di default, non può essere usato per tracciare inchiostro ma solo per navigare nella pagina). E in più, può essere usato in modo molto avanzato anche con mouse e tastiera.

    RispondiElimina
  3. ciao Custode, mi stai facendo venire vogli di vederlo alla prova sulle cose per cui lo userei io! sarebbe bello se facessi anche un video tutorial di un uso di onenote, da studio diciamo, inserendo immagini, link ipertestuali e web e alternandoli a scrittura a mano e non! poi non so magari non è interessante ma per me Microsoft è un mondo talmente sconosciuto...

    RispondiElimina
  4. Nel campo del pen computing, Microsoft è il top, anche se sta facendo di tutto per abbassarsi di livello. Se non conosci questo mondo ti perdi il meglio dell'esperienza PC...

    RispondiElimina
  5. bah.
    per il numero di penne: se non ricordo male se ne possono congifurare quante se ne vogliono e come si vogliono anche su journal
    inserisci spazio c'e' anche in journal (intuitivo al massimo)
    riconoscimento e indicizzazione automatica.. ci sono anche in journal

    ..e utilizzando penne "wacom" si era gia' ben oltre resistivo e capacitivo... con riconoscimento automatico di cosa stavi facendo, compreso cancellare con la gomma sul retro della penna.

    RispondiElimina

I commenti servono a commentare l'articolo. Per domande, discussioni o qualunque altra cosa si prega di utilizzare il Forum.