il Tablet PC Italico

Cerca nel sito

martedì 5 luglio 2011

Fujitsu Stylistic Q550 ufficialmente in vendita in Italia

I primi Fujitsu Stylistic Q550 destinati al mercato italiano arrivano nelle mani dei clienti non interessati al modulo UMTS integrato.

Il primo Tablet PC Fujitsu con processore Atom arriva ufficialmente in Italia con modelli acquistabili presso ogni rivenditore, bloccando così l'importazione da altri paesi europei che, complice il sistema operativo multilingue e la garanzia internazione, era stata proposta da numerosi negozi virtuali nel corso delle scorse settimane.



I modelli destinati al mercato italiano, privi del modulo UMTS che arriverà solo ad agosto (ricordo che il Q550 non è aggiornabile) sono in vendita anche nelle versioni di punta (Windows 7 Professional, 2 GB di RAM, disco da 62 GB) a prezzi inferiori ai mille euro IVA inclusa: un prezzo decisamente concorrenziale se confrontato con l'unico avversario, il Motion CL900, che con UMTS ma privo di batteria sostituibile costa settecento euro in più.

8 commenti:

  1. Non ho trovato le tue scuse ufficiali per l'articolo "Fujitsu Italia troppo arrogante". ;)

    RispondiElimina
  2. Perché dovevo scusarmi, e tanto più in via ufficiale? Il termine "arrogante" è forse un po' forte ma in quell'articolo non ho scritto nulla di falso od errato.

    Fujitsu Italia ha scelto (inizialmente) di fornire SOLO modelli top di gamma (cosa che può essere vista come una attenzione per il cliente ma anche come una chiusura verso chi non vuole o non può spendere più di tanto) senza fornire indicazioni precise sulle tempistiche di consegna, senza avvertire i clienti dei possibili ritardi (nel caso ne fossero a conoscenza). Tutto questo mentre il resto d'Europa vendeva (anche in Italia) i suoi Q550 in una molteplicità di configurazioni in cui il cliente poteva scegliere quella che più voleva.
    Come sempre dal 2002 ad oggi si propongono modelli solo per una cerchia ristretta di utenti ignorando altre fasce (ad esempio il milione ed ottocentomila studenti universitari italiani o "professionisti del domani" che generalmente hanno un cellulare con GPS ed una chiavetta internet e che quindi della scheda UMTS non se ne fanno nulla).

    RispondiElimina
  3. magari il commento di Logan era ironico, con l'occhiolino alla fine. Certo che il Custode è proprio di nome e di fatto, custode e voce anche delle incaz---re di quei tanti utenti che magari sognerebbero di poter trovare lo strumento che si adatta a loro (e non viceversa). Ok le strategie di mercato, ma purtroppo mi sembra che le cose invece che migliorare peggiorino. (e proprio ieri mi sono reso conto di quanto vada meglio un vecchio modello, ma fatto bene rispetto all'aggeggio che sto usando e che continua a ingranare storie). Toccherà fare un PARTITO DEI TABLATI per poter contare ;-) ???

    RispondiElimina
  4. Strategie di mercato??Le chiamerei idiozie di mercato. Mi piacerebbe tanto guardare in faccia i responsabili marketing di queste grandi aziende distributrici di tablet: un prodotto non fa in tempo ad arrivare in Italia che è già obsoleto...

    RispondiElimina
  5. Premesso che interpreto il commento di Logan come ironico...
    Sono pienamente in accordo con l'incazzatura di Custode; non è possibile che il mercato italiano sia sempre considerato dalle multinazionali come mercato di "imbecilli" (vedi disattenzione al cliente e servizi di assistenza scadenti... vedi politica dei prezzi super gonfiati, per la serie "tanto sò fessi e comprano lo stesso").
    Bene Custode, un pò di grinta non fa mai male

    RispondiElimina
  6. riporto quanto ho letto in un blog riguardo al mercato italiano, è generica come concetto ma riflette molto la situazione in italia. Poi nel mondo informatico ci sarebbe da aggiungere ben oltre!

    Noi siamo tra le pochissime nazioni che esportano le migliori produzioni, e tengono le peggiori per il consumo nazionale.

    Il perchè è semplice, all'estero sono + esigenti.

    Qui basta un buono spot, o un testimonial,
    e la "mandria" corre a comprare.

    Ieri ero in un supermercato e stavo allo scaffale della pasta.
    6 marche di pasta.
    I 3 marchi che fanno pubblicità, erano esauriti, gli altri quasi pieni.
    Tra i poco venduti, c'erano 2 tra i migliori produttori di pasta.

    Insomma la gente non compra ciò che è buono, bensi ciò che viene pubblicizzato per buono.

    RispondiElimina
  7. Ovviamente arrivati a questo punto si aspetta l'uscita dello slate completo...che sarà?!?!?

    RispondiElimina
  8. Dove posso trovare tutte le sigle delle configurazioni di questo slate e a cosa corrispondono?
    Es: Q5500MF011IT

    grazie

    RispondiElimina

I commenti servono a commentare l'articolo. Per domande, discussioni o qualunque altra cosa si prega di utilizzare il Forum.