il Tablet PC Italico

Cerca nel sito

venerdì 17 giugno 2011

65000 a 20: la guerra delle applicazioni tra Tablet PC e iPad

Ieri ho affermato che i Tablet PC non sono in declino. E ne sono ancora convinto. Però fa rabbia vedere certe cose.

Francamente non so nemmeno perché mi continuo ad irritare quando leggo certe notizie, però, diamine, quando Wacom rilascia la sua applicazione per iPad che permette agli utenti di scrivere ed annotare utilizzando una penna capacitiva, e lo fa rilasciandola gratuitamente per il primo periodo con l'intenzione di venderla ad un prezzo ridicolo (1,59 euro!) dopo qualche settimana...

I Tablet PC non sono in declino. Non ancora, perlomeno, anche se alcuni dispositivi come il nuovo Tablet Computer di Panasonic che integra un digitalizzatore attivo e sistema operativo Android evidenzia come anche i professionisti stanno attivandosi per lasciare Windows.
Quello che manca, però, è il lato software. OneNote è un programma grandioso, così come Bluebeam PDF Revu od Evernote.
Ma sono pochi. Pur essendoci milioni di Tablet PC Windows, e pur esistendo da dieci anni, i programmi pensati per Tablet PC si contano sulle dita di una mano, e non si parla solo di programmi per penna: anche quelli capaci di sfruttare il tocco delle dita sono poche decine.

A Microsoft, relativamente ai Tablet PC, si può dire di tutto. Manca una interfaccia utilizzabile con le dita, manca una versione di Office veramente integrata con l'inchiostro digitale. Ma alla fin della fiera, Microsoft ha creato il sistema operativo, il motore di riconoscimento della scrittura, OneNote, il Touch Pack, Ink Desktop, Hexic Deluxe, InkBall, Microsoft Sudoku… ovvero il novanta percento delle applicazioni per Tablet PC.

Ristretti in un mercato professionale, i Tablet PC hanno ottimo potenziale, ma non hanno applicazioni ed accessori dedicati. Se per l'iPad ho 65 mila applicazioni specifiche ma anche migliaia tra custodie, penne, stazioni di ancoraggio e sostegno, per un normale Tablet PC, con o senza penna, ho il solo sistema operativo, una ventina di applicazioni specifiche e migliaia di applicazioni pensate per essere utilizzate con il mouse e la tastiera, quasi nessuna delle quali viene rilasciata gratuitamente o a prezzi inferiori ai due euro.

Il mercato dei Tablet PC è vivo, anche se stabile da dieci anni, ma è un mercato professionale dove le aziende acquistano i dispositivi e si creano programmi dedicati alle loro esigenze. Non c'è declino, non mancano le potenzialità. Manca la voglia e le persone che ci credono, manca il supporto dalle aziende produttrici. Manca la consapevolezza che esiste un mercato, nonostante tutto, e che questo mercato è ridotto solo perché nessuno sa della sua esistenza.



2 commenti:

  1. Come al solito è una semplice legge di mercato ... di Tablet PC forse ne saranno stati venduti in tutto quanti iPAD prima generazione fin ora. Non c'è confronto con i numeri ed è ovvio che le multinazionali hanno come obbiettivo primario i profitti per tanto è meglio vedere ad 1 o 2 dollari su iPAD sapendo che ce ne sono già in giro milioni (ed in continuo costante aumento) che su Tablet PC (numero che resta pressoché invariato).

    RispondiElimina
  2. ....i consumi fanno il mercato, ma l'offerta determina i consumi....

    detto questa ovvietà che non spiega altro che un circolo vizioso su cui noi utenti del sito poco possiamo, restano diverse domande aperte per tutti i potenziali utenti TabletPc che non fanno del tablet una scelta "politica" tipo squadra del calcio del cuore, krate contro kung fu, apple vs microsoft e via dicendo.

    Considerando che esclusi gli astronauti dello space shuttle sono pochi i potenziali utenti Tablet che necessitano di potenze di calcolo da Workstation evoluta, mentre quelli che vogliono un computer del formato di un quadreno, con una lunga autonomia, per prendere appunti, utilizzare office, consultare archivi (pdf e libri informatici), navigare in iternet, disegnare a mano libera e fare tutto ciò che si farebbe con una agenda tascabile dotata in più di vocabolari vari e calcolatrica elettronica,quanto rende la nuova applicazione wacom un ipad competitivo rispetto a un Tablet con schermo Wacom?

    Se si considera il numero di applicazioni e la qualità e la funzionalità di queste, la stabilità del sistema, il numero di gadget, le dimensioni, (probabilmente l'autonomia), la sicurezza del mercato dell'usato e dell'assistenza clienti sia ufficiale che dei circoli online di utenti l'IPAD è di sicuro competitivo rispetto a un tablet.

    Inoltre la stessa microsoft ha creato una versione di Onenote per ipad/iphone e evernote esiste e funziona su ipad come su microsoft la domanda sorge spontanea:

    i nuovi sistemi di riconoscimento scrittura per apple con i nuovi sw per il riconoscimento della scrittura su schermi capacitivi per ipad, quanto rendono competitivo il prodotto Apple rispetto a un TabletPc con schermo wacom?

    Sottoscrivo tutte le considerazioni sulle potenzialità tablet, ma devo passare in tempi brevi a un sistema che mi permetta di fare tutto quello che facevo col mio Palm 8 anni fa, con in più le funzione del mio Desktop e delle agende/libri tascabili che attualmente uso, senza svenarmi per comprare un prodotto ultraprofessionale.

    Inoltre per apple esiste una diffusione capillare Mondiale con offerte che ne garantiscono il sostegno nel tempo persino dalle major telefoniche, mente trovare un tablet in un negozio è impossibile, comprarlo onlne è spesso rischioso e non sempre facile (qui in germania a quanto pare un hp 2105 si trova difficilmente, e se lo si trova ci sono solo fondi di magazzino a prezzi di listino del 2010, mentre riuscire ordinare un 2101 in offerta in italia da un commerciante affidabile che faccia spedizioni in tutta europa è un'impresa paragonabile a quella di crearsi da soli un tabletpc semplice da usare, funzionale e performante istallando linux su un telefono palmare tipo galaxy.

    Con un IPAD con i nuovi sw e una penna capacitiva di qualità si riesce a prendere appunti facilmente e velocemente come si fa con un Tablet con schermo wacom?!?!?!?!?!

    RispondiElimina

I commenti servono a commentare l'articolo. Per domande, discussioni o qualunque altra cosa si prega di utilizzare il Forum.