il Tablet PC Italico

Cerca nel sito

giovedì 14 aprile 2011

Lo schermo del Tablet PC: un confronto di dimensioni tra usabilità e portabilità

Una delle cose più importanti in un PC, in particolare in un Tablet PC, è lo schermo. Che però non sempre è in grado di soddisfare l'utente.

I Tablet PC moderni hanno, di fatto, schermi di quattro tipi:

- 13,3 pollici (334 mm) in 16:10 con risoluzione 1280x800 pixel
- 12,1 pollici (307 mm) in 16:10 con risoluzione 1280x800 pixel
- 10,1 pollici (257 mm) in 16:9 con risoluzione 1366x768 pixel
- 10,1 pollici (257 mm) in 16:9 con risoluzione 1024x600 pixel

Utilizzando il teorema di Pitagora si può facilmente risalire alle dimensioni esatte dello schermo, che sono quindi:

- 11,3 per 7 pollici (287 per 178 mm) per gli schermi da 13,3 pollici in 16:10
- 10,3 per 6,4 pollici (262 per 163 mm) per gli schermi da 12,1 pollici in 16:10
- 8,8 per 5 pollici (224 per 126 mm) per gli schermi da 10,1 pollici in 16:9

Questi numeri evidenziano bene le differenze significative nelle dimensioni, che meglio vengono evidenziate da una rappresentazione grafica:


Lo schermo da 10,1 pollici in formato 16:9 dona al dispositivo una portabilità superiore ma riduce anche in modo significativo lo spazio di lavoro. Questo però si nota poco in un utilizzo "orizzontale" dello schermo, quando insomma il Tablet PC viene utilizzato come un comune PC portatile, anche grazie alla sempre più diffusa risoluzione 1366x768 pixel che garantisce a Windows 7 la possibilità di lavorare senza problemi anche con più finestre aperte sullo schermo. Le cose però cambiano in modo enorme in un utilizzo "verticale", quando insomma il Tablet PC viene utilizzato come tale, ed in particolare usando programmi grafici o di scrittura.

In queste situazioni operative, infatti, la risoluzione dello schermo conta poco in quanto quello che conta maggiormente in queste situazioni è lo spazio fisico disponibile. Nel momento in cui si prende appunti, si disegna o si scrive, la dimensione delle lettere e delle parole sarà sicuramente conseguenza della dimensione della superficie di scrittura ma più si scrive piccolo maggiore sarà la difficoltà nello scrivere: una superficie di scrittura sufficientemente vasta e comoda è quindi essenziale. Un normale utente europeo è abituato a scrivere su fogli e quaderni in formato A4: a parte il formato 13,3 pollici, però, gli schermi da Tablet PC sono sensibilmente più piccoli di un foglio A4


e lo schermo da 10,1 pollici risulta essere addirittura più stretto di un foglio A5, che è la metà di un foglio A4.


Lo schermo da 10,1 pollici presente sulla maggior parte dei Touch Tablet PC e dei Tablet PC economici come il T101MT di Asus od il Fujitsu Lifebook T580 risulta essere quindi decisamente piccolo e, per un utilizzo "da blocco note" spesso può risultare troppo stretto.

Ma il problema risiede nelle dimensioni ridotte (10,1 pollici) o nel formato (16:9)? La risposta è facilmente ottenibile confrontando questo schermo con gli schermi dell'Apple iPad e dell'HP tc1100.

L'iPad ha uno schermo da 9,7 pollici (246 mm) in 4:3, quindi i lati sono da 7,8 e 5,8 pollici (198 per 147 mm); il tc1100 ha invece uno schermo da 10,4 pollici (264 mm) in 4:3, quindi i lati sono 8,3 e 6,3 pollici (211 per 160 mm). Se si confrontano queste dimensioni con quelle di un foglio A5 e con le dimensioni di uno schermo da 10,1 pollici in formato 16:9 si ricava la seguente immagine:


che mette in mostra come lo schermo dell'iPad offre, di fatto, le stesse dimensioni di un foglio A5 per quanto riguarda la larghezza e, pur avendo diagonale inferiore, offre uno spazio di lavoro decisamente superiore allo schermo da 10,1 pollici in formato 16:9. Lo schermo da 10,4 pollici in formato 4:3, montato sul tc1100 o su macchine professionali quali il Motion C5v/F5v od il Panasonic Toughbook CF-19, offre invece una superficie di lavoro leggermente più ampia rispetto a quella di un foglio A5.
Da questi confronti, insomma, emerge un fatto chiaro: su diagonali ridotte il formato panoramico significa spazi di lavoro sensibilmente ridotti. Se un iPad, con uno schermo da 9,7 pollici in formato 4:3, ha una superficie di lavoro di 291 centimetri quadrati, un Fujitsu Stylistic Q550 (10,1 pollici in 16:9) ha una superficie di lavoro inferiore, 282 centimetri quadrati, pur avendo diagonale maggiore.

La maggior parte dei Tablet PC professionali utilizza schermi da 12,1 pollici in formato 16:10 (427 centimetri quadrati) con risoluzione 1280x800 pixel che sono in grado di offrire il giusto spazio di lavoro all'utente pur essendo comunque di dimensioni sensibilmente inferiori a quelle di un foglio A4 (che offre 623 centimetri quadrati). Nonostante le dimensioni ridotte se confrontate con un normale foglio, questa diagonale, unita alla particolare risoluzione, è in grado di offrire dimensioni compatte e ma spazio vasto a sufficienza per un utilizzo multifinestra di Windows 7: un Tablet PC da 12,1 pollici è perfettamente utilizzabile per ogni operazione e con ogni modalità di input (penna, dita o tastiera fisica).
Gli schermi da 13,3 pollici sono ciò che più si avvicina per dimensioni ad un foglio A4 ma, adottando la medesima risoluzione degli schermi da 12,1 pollici, non risultano particolarmente più utilizzabili se non in caso di utilizzo estremo delle funzionalità di inchiostro digitale: risultano quindi essere particolarmente indicati per utilizzo grafico ma, in ultima analisi, le dimensioni maggiori possono anche non valere la minore portabilità.

Risoluzioni inferiori, invece, sono decisamente a rischio. Se uno schermo da 10,1 pollici con risoluzione 1024x600 pixel (formato 16:9) risulta essere troppo piccolo per ogni tipo di operazione, dal semplice utilizzo di Windows alla scrittura a mano, la stessa diagonale con risoluzione 1366x768 è perfettamente utilizzabile in formato orizzontale ma, in formato verticale, risulta essere pericolosamente stretto e, spesso, poco pratico.



Per quanto riguarda i Tablet PC, il formato 16:9 è la peggiore scelta possibile dal punto di vista progettuale ma, nonostante questo, il formato 4:3, comunque preferibile sui Tablet PC anche nelle diagonali maggiori, risulta essere di fatto scomparso. Cosa scegliere, quindi? Al momento attuale, il formato 4:3 è disponibile solo su pochissimi Tablet PC destinati a mercati particolari ed il loro prezzo supera senza problemi i 2000 euro. In questa situazione il formato 12,1 pollici (16:10) risulta essere quindi il meglio per quanto riguarda il rapporto usabilità/portabilità mentre per un Tablet PC gli schermi da 10,1 pollici (16:9) possono risultare validi solo in caso di risoluzione elevata (1366x768 pixel) ed anche in questo caso spesso possono rendere l'esperienza d'uso "verticale" decisamente problematica anche nel semplice uso multifinestra.

Qui puoi trovare la seconda parte dell'articolo con aggiornamenti relativi ai nuovi modelli.

8 commenti:

  1. Custode, perchè non ci fai un confronto tra gli "ultimi" tablet con schermo 4:3!

    RispondiElimina
  2. Ottimo lavoro Custode! Molto molto interessante. Condivido in pieno, solo non potresti fare un piccolo aggiornamneto con la risoluzione, la proporzione e le dimensioni a confronto del nuovo x220t di Lenovo?
    Mi pare sia di 12,5" ma in 16/9.
    Siccome credo sia attulamente uno dei convertibili più interessanti del prossimo futuro capire l'usabilità dello schermo in vista di un acquisto diventerebbe essenziale.

    RispondiElimina
  3. In effetti poi ragionando su ciò che scrivi, appare evidente (e forse ci si era già pensato) che mentre l'Ipad, dotato di accelerometro, è pensato per un uso sia in modalità portrait che landscape, i nuovi convertibili permettono entrambi gli usi ma, di fatto, secondo me possono essere utilizzati proficuamente in modalità orizzontale/ladscape.
    Penalizzando tutto il lavoro sui documenti di testo, i pdf, la lettura degli ebook (praticamente inesistente da noi) e dei quotidiani in formato elettronico.
    Un piccolo aneddoto, l'altro giorno nella stessa carrozza di un treno freccia argento, c'erano 3 persone giovani (ragazze) con 3 ebook reader in b/n. Ovviamente tutte NON italiane...

    RispondiElimina
  4. Articolo davvero interessante, meriterebbe una traduzione in inglese per aumentarne la risonanza: magari qualche ingegnere si sveglia... Approfitto per riportare la mia esperienza d'uso con TM2 Hp: sapete che la 'gobba' della batteria è provvidenziale per la scrittura in modalità orizzontale sul tavolo? La leggera inclinazione è utilissima, rende molto piacevole scrivere sullo schermo; la larghezza di una pagina Onenote a tutto schermo non fa rimpiangere supporti cartacei di qualsiasi tipo... Certo, si può senz'altro dire che quella 'gobba' dissuade ancor più dall'uso verticale, ma vi assicuro che anche per la lettura di giornali e libri l'orizzontalità, unita alla facilità di zoom-in/zoom-out dei controlli con le dita, è più che altro un fatto d'abitudine. Complimenti al Custode, as usual, per l'ottimo lavoro.

    RispondiElimina
  5. per quanto riguarda il 12.5" in 16:9, rispetto a un 12.1" in 16:10 dai calcoli mi sembra che dovrebbe venir fuori che il 12.5" è più lungo di poco più di un centimetro e mezzo ma è più stretto di poco meno di un centimetro

    RispondiElimina
  6. @ Flavio
    ho fatto i calcoli e mi risulta che lo schermo da 12,5" avrebbe queste proporzioni:
    27,45 cm x 15,44 cm, contro i 26,2 cm x 16,3 cm di quello da 12,1" in 16/10.
    Non l'ho calcolato ma l'area è praticamente la stessa, come vedete poco più di un centimetro in più di lunghezza e poco meno di un centimetro in altezza.
    Non voglio fare lo schizzinoso ma se piegate un foglio A4 in queste dimensioni vi accorgete che è un formato davvero idiota. Andrà anche bene per vedere film ma non per lavorare in modalità verticale.
    Questo è sicuro.
    16/10 va bene, ma ddirittura 4/3 va meglio. Persino l'IPAD infatti mantiene queste proporzioni, perché non dovrebbe un convertibile dedicato al lavoro?

    RispondiElimina
  7. Ovviamente intendo quello da 12,5" in 16/9 come quello del nuovo x220t

    RispondiElimina

I commenti servono a commentare l'articolo. Per domande, discussioni o qualunque altra cosa si prega di utilizzare il Forum.