il Tablet PC Italico

Cerca nel sito

mercoledì 2 febbraio 2011

I Tablet PC, dispositivi non utilizzabili nel mondo reale

Alcune persone non comprendono il perché dei Tablet PC, considerandoli dispositivi troppo complessi o non veramente utilizzabili in mobilità.

Personalmente non riesco a comprendere il motivo di queste critiche. Sono il primo a dire che l'interfaccia grafica di Windows 7 non è pensata per essere utilizzata con le dita, ma questo non significa che sia difficile da utilizzare. Windows è un sistema operativo utilizzato su qualche miliardo di PC e su un Tablet PC non è più complesso che su un Desktop: un Tablet PC è facile da utilizzare non meno di un normale PC. Anzi, considerando la possibilità di usare la penna e le dita un Tablet PC è anche più facile da utilizzare, o perlomeno è più facile da utilizzare in particolari condizioni.

Anche rispetto al peso trovo le critiche senza senso. Sono cinque anni che utilizzo quotidianamente dispositivi Tablet PC che pesano tra il chilo e mezzo ed i due chili, e non li ho mai considerati pesanti al punto di dire che non sono veramente e pienamente utilizzabili. Li ho utilizzati seduto alla scrivania e in piedi in treno; li ho utilizzati in macchina e a letto, sull'aereo e in giardino. Li ho usati per mostrare ai miei docenti gli avanzamenti di due tesi e per far giocare bambini; li ho usati per leggere documenti e per annotare, ma anche per vedere filmati in giro per il mondo. E in tutte queste situazioni si sono sempre dimostrati molto più che utilizzabili.



Certo, sarebbe meglio avere un Tablet PC che pesa 500 grammi piuttosto che uno che ne pesa 1500 ma, a meno di non essere una persona con gravi problematiche muscolari, 1500 grammi, ovvero il peso di una bottiglia d'acqua o di un casco da motociclista, non sono un peso eccessivo, o almeno credo.

Forse l'iPad su alcune cose ci ha abituati male, o forse la gente parla senza aver provato… non so. Io resto dell'idea che il mio tc1100 sia pienamente e perfettamente utlizzabile sempre ed ovunque.

9 commenti:

  1. Personalmente, credo che l'abitudine sia una brutta cosa.
    Nel mio caso, pur avendo un Tablet PC ormai da 3 mesi, lo uso raramente come tale (mea culpa...) perché:
    - ho la docking station (lo uso come un desktop)
    - continuo a preferire la carta
    - spesso litigo con i pulsanti inaccessibili delle finestre
    - la calibrazione Touch e della penna sembrano cambiare continuamente

    In particolare gli ultimi 2 possono risentire del mio poco allenamento al Tablet, per cui devo sempre "improvvisare" l'utilizzo e non ho ancora deciso come girare lo schermo quando lo uso come Tablet (lo dico perché la taratura sembra risentire di questa scelta).

    RispondiElimina
  2. Personalmente come studente uso il Tablet PC in modo massiccio in università.
    Carta e penna se non esplicitamente obbligato a usarle sono solo un ricordo in quanto OneNote è il miglior quaderno che posso avere, e per studiare basta un editor pdf e il libro digitale.
    Per quanto ne concerne il peso, lavoro come promoter per il settore informatico in diversi centri commerciali, e il tablet (un TM2 2000el) lo porto spesso al lavoro per presentare i prodotti tenendolo anche 5 ore di fila in piedi senza appoggi, ma non me ne sono mai lamentato e l'impatto sui clienti è notevole (uno addirittura doveva acquistare un notebook, e dopo aver visto questo ha cambiato idea e ha deciso di prendersi un tablet).

    RispondiElimina
  3. L'iPad ha abituato bene le persone. Il peso minore di 1500 grammi è solo per pochi tablet, quelli più costosi...i vari tm2,T730,T900,etc..vanno oltre i 2000 grammi... e non è poco. L'idea che mi sono fatto è la stessa a cui sei arrivato questo mese nella selezione del Tablet PC del mese: il tablet perfetto non esiste! Dando per scontato che la configurazione ideale è penna+touch+windows, bisogna ammettere che la portabilità(peso + connettività), l'usabilità (interfaccia grafica pensata per il touch) e il costo sono discriminanti per scegliere un Tablet PC rispetto ad altri prodotti.

    RispondiElimina
  4. @ Cervelli
    non credo che il problema sia solo l'abitudine, parliamo di interfacce, qualcosa di molto complesso. C'è un motivo se dopo centinaia di anni usiamo ancora la carta e la penna e non è solo perché non c'è altro. Le nuove interfacce aggiungono molto ma tolgono anche qualcosa. Inutile e interminabile sarebbe la disanima puntuale di questi aspetti per cui soprassediamo.

    Mi sembra invece più interessante focalizzarmi su una cosa in particolare: sembra fuori moda parlare bene di Microsoft. Ebbene se dobbiamo riconoscere che Vista aveva più difetti che pregi, bisogna ammettere che per 7 le cose sono invertite. Invece è più cool parlare di Android (non scherziamo, a parte che come pregio ha di essere open source, non possiamo paragonare nemmeno le funzioni di un SO per cellulari con uno che può fare funzionare dei server!) o di OSX (che ha molti pregi ma anche dei difetti, e in ogni caso il gap tra Snow Leopard e Seven mi pare molto risicato riapetto al passato). Inoltre Seven possiede le straordinarie caratteristiche di inchiostro digitale implementate in modo nativo che nessun altro possiede.
    Bisogna rconoscerlo e basta.
    Tutt'al più si potrebbe sottolineare che il pachiedrma di Redmond avrebbe potuto con un pò più di reattività e velocità preparare un'interfaccia "ready for touch" in modo da indirizzare tutta una pletora di dispositivi tablet verso la sua piattaforma invece che SO per cellulari castrati in partenza. Con poco sforzo in più si poteva fare MOLTO di più. Tuttavia è vero che se hai una penna in mano riesci benissimo a fare tutto. E' con le dita che è un pò più difficile.
    Riguardo all'orientamento e alla taratura dello schermo sono d'accordo, ma è un limite degli hardware attuali soprattuto Wacom, invece da questo punto di vista (solo questo però) Ntrig era precisissimo

    RispondiElimina
  5. non c'è dubbio, l'interfaccia è un serio problema... ma risolvibile! ci sono molte shell replacement in giro, open source e non. ma quale rispetta appieno le potenzialità di win7 (penso soprattutto al TIP)?
    insomma, se uno per usare win7 su un tablet pc non vuole proprio settare lo schermo a 125% (il tm2 offre questa possibilità con un semplice click) che shell replacement dovrebbe usare? ...certo che alla microsoft bastava sviluppare ulteriormente il suo media center per offrire un interfaccia touch ready... o almeno una parvenza di touch ui...

    RispondiElimina
  6. Riguardo alla precisione del digitalizzatore Wacom, ricordo che è fondamentale il punto di vista dell'osservatore, ovvero la posizione da cui si guarda lo schermo. Il digitalizzatore Wacom è posto SOTTO il pannello LCD e si trova quindi diversi millimetri sotto il punto in cui la penna va effettivamente a posarsi. Questo significa che basta spostare il punto di osservazione anche di soli venti centimetri perchè il parallasse si mostri in modo evidente ed è necessario calibrare il digitalizzatore rispetto alla posizione d'uso più utilizzata.
    Il digitalizzatore N-Trig sotto questo aspetto è più preciso in quanto il digitalizzatore è posto sopra lo schermo LCD e la penna tocca direttamente il digitalizzatore.

    RispondiElimina
  7. Grazie!
    davvero ottima delucidazione! proverò a fare come consigli, cioè a calibrare nella posizione d'uso più comune. Resta il fatto però che vicino ai bordi Wacom mostra delle note difformità di funzionamento, mentre invece Ntrig è omogeneo (quando va o quando non da artefatti più gravi di altro tipo ;-)

    RispondiElimina
  8. cmq wacom dovrà rivedere la sua tecnologia vedendo certi sviluppi come questi: http://www.youtube.com/watch?v=9sTgLYH8qWs

    RispondiElimina
  9. Anche Microsoft dovrà rivedere le sue...
    ad esempio togliere un venditore di aste televisive "dopato" a capo della sua azienda, ad esempio ;-)
    http://www.youtube.com/watch?v=e8M6S8EKbnU&feature=player_embedded#

    RispondiElimina

I commenti servono a commentare l'articolo. Per domande, discussioni o qualunque altra cosa si prega di utilizzare il Forum.