il Tablet PC Italico

Cerca nel sito

lunedì 8 novembre 2010

Una penna che costa quanto una crociera. E gli studenti scelgono altro.

I Tablet PC costano tanto perchè se ne vendono pochi e quindi quelli che si vendono devono costare di più per sostenere i costi di sviluppo. Ma perchè se ne vendono pochi? Perchè costano tanto e perchè non essendo nei negozi la gente nemmeno sa della loro esistenza.

E' un cane che si morde la coda. Fino a quando una qualche industria non si metterà a scommettere sui suoi prodotti, la situazione difficilmente potrà cambiare.

E mia sorella, laureanda in Fisica, che ha dovuto comprare un nuovo PC... non ha preso un tm2 perchè non vuole HP ed alla fine si è presa un normale portatile Toshiba con un signor Core i5, grafica dedicata e schermo HD a 599 euro ivati. Si può biasimarla? Con il TH700 privo di modelli preconfigurati, il Tablet PC meno costoso con Core i5 costa 1500 euro.

Una penna ed un Touch Pack valgono 900 euro?

7 commenti:

  1. Anzitutto complimenti a tua sorella, da quasi collega. Poi vorrei dire che, pur condividendo in massima parte il tuo pensiero, la mia esperienza personale dice tutt'altro: questa estate ho comprato un tablet(fujitsu stylistic 5112) usato-rigenerato a poco più di 350 euro e da allora lo uso sia per scrivere a lezione che per fare le esercitazioni; non credo che un tablet possa ancora soddisfare tutte le esigenze di un universitario sostituendo in tutto e per tutto un normale pc: i tablet convertibili sono tutti(almeno quelli che ho visto) troppo spessi e pesanti e una tastiera fisica è spesso indispensabile; un tablet con schermo più grande di 12-13 pollici è scomodo, invece per un pc(almeno per me) 15" sono il minimo sindacale...quindi comprarsi un pc normale e un tablet usato a poco è ancora la soluzione migliore

    RispondiElimina
  2. Il confronto in realtà è tra portatili, come da articolo.
    Ignoro il motivo del perchè ma dubito fortemente che il costo, come differenza tra portatile normale e tablet pc, sia cosi spropositato.
    Anche da parte dei produttori c'è "ignoranza" nel proporre i tablet pc, apple ha trovato terreno fertile e neutro, per questo motivo ha colto l'occasione e sta lanciando la "moda".

    Solo una nota dolente per questi cosiddetti "tablets" (simil i-pad): mancanza di penna e schermi ridottissimi.

    Ma credo anche che la diffusione di questi possa dare spunto per diffondere maggiormente i Tablet pc.

    RispondiElimina
  3. La differenza di prezzo tra un Tablet PC ed un PC portatile con le stesse caratteristiche (processore, RAM, disco, ecc) è dovuta principalmente a due ragioni:

    - migliori materiali e progettazione. Genealmente i Tablet PC sono dispositivi professionali, nella maggior parte dei casi hanno standard di resistenza superiori e soluzioni particolari. Se la differenza fosse semplicemente lo schermo ruotabile, costrerebbe in materiali solo cento euro in più; dato che li costruiscono in tutt'altro modo, invece, i costi lievitano.

    - meno vendite. I Tablet PC vengono venduti in poche decine di migliaia di esemplari, mentre per i portatili normali i volumi sono almeno dieci volte superiori. Dato che comunque c'è un signor lavoro di progettazione alle spalle, i costi aumentano.

    Il problema base dei Tablet PC è la mentalità dei produttori. Si sono convinti che i Tablet PC sono macchine professionali che devono avere certi standard, e non ci provano nemmeno a venderli o a progettarli.

    @Martins: è anche questione di abitudine e di accessori. Io lavoro senza problemi da anni con un dieci pollici. In giro è comodissimo, mentre a casa lo attacco ad un 17" e lavoro in multischermo.

    RispondiElimina
  4. Sono anni che vorrei comprare un Tablet PC, da quando frequentavo l'università, ma il prezzo è sempre stato un baluardo insuperabile.
    Per come la vedo io, il circolo vizioso di prezzo alto e basse vendite è mantenuto in piedi non da leggi di mercato ma dalla miopia dei produttori. Qualunque prodotto parte come "di nicchia" solo grazie a promozioni e pubblicità riesce a raggiungere un più vasto bacino di clienti.
    Per i Tablet la situazione è incomprensibilmente (almeno per me) diversa. Proprio a fianco alla textbox in cui sto scrivendo questo post, c'è il contatore delle visite totali in costante aumento (ora sono 571963), vale a dire che benché scarsamente pubblicizzato c'è tantissima gente che vorrebbe avere un Tablet. Ma invece di cercare di attingere a questi possibili clienti (per esempio offrendo promozioni agli utenti di questo sito) i vari produttori semplicemente si fanno rubare il mercato dall’IPad, e sono sicuro la metà dei clienti Apple lo compra come palliativo all'assenza di un vero Tablet.
    Questo mi ricorda il passo falso commesso da SONY alcuni anni fa. SONY era padrona indiscussa del mercato dei riproduttori musicali portatili con il suo marchio Walkman, ma si fece sorprendere alla grande dall'uscita dell'IPod, ricordate quanto costavano i lettori Mp3 prima della sua uscita? Io si perché ne regalai uno alla mia ragazza, e quando lo scarto mi disse "Grazie... ma cos'è?" ;(. Solo ultimamente SONY si è risvegliata iniziando a produrre lettori Mp3 Walkman, ma ormai il danno è fatto.
    Ora si sta riproponendo la stessa storia, quando entro in un negozio di elettronica è chiedo se hanno Tablet in vendita spesso mi guardano a bocca aperta e mi chiedono cosa sia. Solo ultimamente si sono un po' evoluti e quando gli spiego cos'è un Tablet loro dicono "Ahh.... un IPad" 8(.
    Beh, come ha detto george_p speriamo che la diffusione degli IPad apra gli occhi ai produttori di Tablet ma spero di non dover aspettare troppi anni.
    Nel frattempo siamo arrivati a 572709... mah!

    RispondiElimina
  5. specificando che ho un po' di problemi di vista e soprattutto di battitura che mi rendono insopportabile lavorare con un netbook(sarà l'abitudine ma quando devo usarne uno mi viene solo da sbatterlo per terra)...poi devo dire che da quando vado in giro per la facoltà con il mio tablet e mi metto a spiegare la differenza tra il mio fujitsu e un ipad trovo molti, studenti e docenti, interessati

    RispondiElimina
  6. Se facessero maggiore pubblicità e informazione credo che scenderebbero prezzi e costi di produzione a fronte di una maggiore richiesta.
    Ne ho parlato da poco con una mia amica e ne era completamente all'oscuro.
    Ora sa cosa prendere, prezzi esagerati permettendo.

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina

I commenti servono a commentare l'articolo. Per domande, discussioni o qualunque altra cosa si prega di utilizzare il Forum.